Contattaci per acquistare il corso di e-learning!

Acquista

Seguici sui social
© 2018 Studio Ingegneria Noemi Milani s.r.l.

Covid-19 Aggiornamenti

Comunichiamo gli aggiornamenti circa il comportamento da tenere in relazione al contagio da COVID-19:

  1. Se un dipendente comunica che è a contatto stretto di un caso COVID positivo scolastico, rimane al suo domicilio, NON viene in azienda. È comunque ATS a rilasciare le indicazioni sulla gestione dei contatti stretti accertati. Il contatto stretto, esce dall’isolamento fiduciario solo dopo tampone negativo. L’azienda può continuare le sue attività lavorative. Si consiglia una verifica costante dell’attuazione del Protocollo COVID aziendale con particolare riferimento alla verifica che vengano indossati sempre, dispositivi per la protezione delle vie respiratorie D.P.I. o D.M. e NON mascherine per la collettività che NON sono ammesse sul luogo di lavoro, che siano rispettate tutte le procedure di igiene e sicurezza.
  1. Se invece un dipendente dovesse comunicare che è COVID positivo, primo passaggio:
  • far fare una sanificazione straordinaria;
  • dopo di che teoricamente, il dipendente segnala i contatti stretti;
  • potrebbe chiamare direttamente ATS per identificare i contatti stretti (se ce ne sono);
  • verificare se ci sono stati contatti diretti in azienda e questi vanno segnalati ad ATS (vanno in quarantena);
  • contattare il Medico Competente Aziendale ed informarlo.

In breve, inoltriamo anche questa informativa: la fonte è ATS Insubria ed in ogni momento potete verificare quanto riportato.

In caso si sospetti di essere entrato in contatto con un caso di persona affetta da Covid-19, è necessario segnalarlo al Medico di Medicina Generale, che disporrà l’isolamento fiduciario.

Si definisce Contatto Stretto:

  • una persona che vive nella stessa casa di un caso di COVID-19;
  • una persona che ha avuto un contatto fisico diretto con un caso di COVID-19 (per esempio la stretta di mano);
  • una persona che ha avuto un contatto diretto non protetto con le secrezioni di un caso di COVID-19 (ad esempio toccare a mani nude fazzoletti di carta usati);
  • una persona che ha avuto un contatto diretto (faccia a faccia) con un caso di COVID-19, a distanza minore di 2 metri e di durata maggiore a 15 minuti;
  • una persona che si è trovata in un ambiente chiuso (ad esempio aula, sala riunioni, sala d’attesa dell’ospedale) con un caso di COVID-19 per almeno 15 minuti, a distanza minore di 2 metri;
  • un operatore sanitario od altra persona che fornisce assistenza diretta ad un caso di COVID-19, oppure personale di laboratorio addetto alla manipolazione di campioni di un caso di COVID-19 senza l’impiego dei DPI raccomandati o mediante l’utilizzo di DPI non idonei;
  • una persona che abbia viaggiato seduta in aereo nei due posti adiacenti, in qualsiasi direzione, di un caso di COVID-19, i compagni di viaggio o le persone addette all’assistenza e i membri dell’equipaggio addetti alla sezione dell’aereo dove il caso indice era seduto (qualora il caso indice abbia una sintomatologia grave od abbia effettuato spostamenti all’interno dell’aereo, determinando una maggiore esposizione dei passeggeri, considerare come contatti stretti tutti i passeggeri seduti nella stessa sezione dell’aereo o in tutto l’aereo);
  • il collegamento epidemiologico può essere avvenuto entro un periodo di 14 giorni prima o dopo la manifestazione della malattia nel caso in esame.

Si definisce Caso Confermato:

  • una persona sintomatica con esito di tampone nasofaringeo POSITIVO per nuovo coronavirus;
  • una persona anche asintomatica con esito di tampone nasofaringeo POSITIVO per nuovo coronavirus.

Per il Caso Confermato, ATS Insubria avvia l’inchiesta epidemiologica. Viene attuata telefonicamente da operatori sanitari di ATS Insubria che devono presentarsi con nome e qualifica e lasciare il riferimento telefonico dello studio-ufficio.

Deve essere tempestiva e deve individuare tutti i contatti stretti del caso da 2 giorni prima l’insorgenza dei sintomi sino all’ultimo momento di contatto.

Occorre precisare che l’affermazione: “per almeno 15 minuti, a distanza minore di 2 metri” e da intendersi con operatori privi di mascherina protettiva (di tipo medico o – chirurgica) ben indossata.

Lo Studio rimane a disposizione per qualsiasi necessità.